Workshop: “Progettare una cultura di gruppo rigenerativa”

Con l’occasione del meeting degli Hub a Santorso di fine maggio, è stato pensato di  proporre un workshop sull’Emergenza Culturale e sulla cultura dei gruppi, a cui si sono già iscritti una quindicina di ‘transizionisti’ internazionali. I posti liberi disponibili per i ‘locals’ sono invece circa una decina. Pensiamo sia un’occasione meravigliosa per sperimentare e lavorare sui ‘margini’ del movimento della Transizione, scoprire e implementare nuovi strumenti e farlo assieme a persone che lavorano quotidianamente nella Transizione in diverse parti del mondo. Leggete più sotto per saperne di più ed iscrivervi. Se intanto vi chiedete cos’è un hub.. Andate qui 

Slovenian sunset

Quando: lunedì 22 e martedì 23 maggio 2017 dalle 9.00 alle 21.00

Dove: Casa del Custode Via S.Maria s.n, Santorso (VI)

Cosa:

Sono passati 10 anni dalla nascita della Transizione e il mondo nel frattempo è molto cambiato. Il nostro benessere è stato notevolmente contaminato dall’ansia dovuta a una diffusa incertezza, precarietà e senso di oppressione.

Coltivare resilienza a livello culturale e personale diventa allora essenziale se vogliamo trasformare questa situazione in un’“Emergenza Culturale” di massa per la quale gratitudine, cura e connessione devono diventare concetti fondanti la cultura delle nostre comunità.

Per fare questo abbiamo bisogno di co-creare culture di gruppo caratterizzate da abilità e qualità che ci permettano di rispondere creativamente alle incertezze e alle precarietà del nostro tempo.

In cosa consiste il workshop?

Esplorare il concetto di sicurezza 

Al cuore di questa “Emergenza Culturale” vi è una ricerca sul ruolo che gioca la sicurezza nello sviluppare una cultura di gruppo trasformativa: quali pratiche e strutture permettono di far cadere le nostre difese e di aprirci a profonde connessioni con noi stessi, gli altri e il mondo naturale? Guarderemo all’ importanza di creare “contenitori” e introdurremo un modello non gerarchico e leader-full chiamato “Acorn Leadership model”* con l’ obbiettivo di fornire una base sicura e auto-organizzante per i gruppi.

Esplorare una cultura rigenerativa a tutti i livelli 

Tratteremo di cultura a tutti i livelli, da quella personale al contesto globale. Condivideremo strumenti, tecniche, processi, modi di essere, di pensare e di vedere che, favorendo soluzioni innovative, permettano a ciò che prima sembrava impossibile di diventare possibile.

Insieme daremo vita a una cultura di gruppo che mostri come iniziare il processo di riparazione e rigenerazione culturale di cui ha bisogno il nostro mondo.
Lo “Eight Shields Institute” sta studiando da molti decenni culture secolari ancora intatte e questi studi permetteranno di evidenziare alcuni strumenti e pratiche utili alla conservazione della cultura.

Riflettere su alcune domande 

Questa coinvolgente ricerca offrirà materiale su cui basare il dibattito sull’“Emergenza Culturale” all’ interno del gruppo degli hub, incoraggiando sperimentazioni nei Network nazionali, regionali e locali. Insieme rifletteremo su queste domande:

  • quali sono le pratiche che più contribuiscono al cambiamento culturale e che supportano la resilienza personale e collettiva?
  • quali sono le caratteristiche della nuova storia e cultura che vogliamo promuovere?
  • quali ruoli è necessario assumere per supportare una cultura di sicurezza, connessione, vitalità e creatività nel momento in cui le persone si riuniscono per collaborare?

*L’“Acorn Leadership Model” è un potente strumento utilizzato per supportare lavori di gruppo collaborativi e non gerarchici. Acorn Leadership è una mappa ispirata ai processi naturali, composta da ‘8 scudi’ che rappresentano le dimensioni archetipiche della nostra personalità, che favoriscono l’integrità e la collaborazione del gruppo. È un modello che ci supporta nello scoprire il nostro Io più autentico e i nostri talenti, piuttosto che scivolare in modalità, tendenze e comportamenti malsani a cui potremmo essere abituati quando siamo in gruppo. Questo ci dà un assaggio di ciò che è possibile sperimentare nei gruppi quando si è attorniati da persone che brillano delle proprie capacità e che collaborano assieme, molto lontano da quegli aspetti che tendono a creare invece, difficoltà e conflitti.

Metodologie e contesto

Questo workshop includerà:

  • coinvolgere testa, cuore e mani invitando alla connessione verso un campo più ampio di saggezza e possibilità
  • promuovere il lavoro di ricerca nel grande gruppo, in piccoli gruppi, in coppia e da soli
  • condividere e discutere schemi e mappe
  • sperimentare e incorporare attività ‘below the brain’

Vogliamo ringraziare per tutti gli insegnamenti che hanno ispirato questo workshop e che citiamo qui: 8 Shields Institute, People and Permaculture, The Work That Reconnects, Process Work, Movement of Being, body-based psychotherapy, Movement in relationship, Social Alchemy, Shadow work, Non violent Communication, e Cultural Emergence.

I facilitatori

Questo workshop sarà facilitato da Claire Milne, Coordinatrice della Transizione Interiore per il Transition Network, Peter Cow dell’8 Shields Britain e People and Permaculture e Madelanne Rust D’Eye, psicoterapeuta e facilitatrice di gruppi con OverWinter consulting.

Puoi approfondire di più sull’esperienza di Claire Milne con i training sull’Emergenza Culturale nel blog: Emerging a New Culture: Exploring New Ingredients.

Partecipazione

A questo workshop è stata data priorità agli ospiti internazionali che saranno qui per il meeting di maggio. Attualmente vi sono circa 10 posti disponibili per chi volesse aggiungersi come non-hubster o ‘transizionista’ locale.

Il termine per le iscrizioni è il 5 maggio.

COMPILARE IL FORM QUI

Lingua

Il corso si terrà in inglese. Potrebbe essere disponibile una traduttrice per l’italiano ma è consigliabile avere una conoscenza base della lingua inglese.

Costi

Abbiamo calcolato che il costo medio per partecipante (considerando 25 persone) sarà di 117 euro*.

La cifra esatta verrà comunicata al termine delle iscrizioni.

Per assicurarci che l’aspetto economico non sia un ostacolo alla partecipazione incoraggiamo un pagamento basato sull’offerta, che funziona così:

1: facci sapere entro il 5 maggio se vuoi partecipare a questo workshop e quanto puoi o hai voglia di contribuire economicamente, tenendo in considerazione:

  • il tuo reddito annuale e il costo della vita
  • risparmi o debiti
  • se sei finanziariamente responsabile per qualcun altro

2: calcoleremo tutte le offerte e ti faremo sapere entro il 15 maggio quanto è stato dato e faremo una proposta per compensare le differenze nel caso non avessimo raggiunto il minimo.

Per esempio, potremmo riaprire le offerte per raccogliere di più dagli iscritti, aumentare il numero dei partecipanti o trovare altri ‘metodi di pagamento’..

* il costo medio di 117 euro è basato su 25 partecipanti ed è comprensivo dei seguenti costi:

  • quota facilitatori : 280 sterline al giorno per facilitatore (x3)
  • viaggi in treno e sussistenza facilitatori : 300 sterline x 2
  • cibo per i facilitatori: 150 sterline

Cibo

I pasti verranno preparati dal centro cottura di Santorso, saranno prevalentemente vegetariani e costeranno 4.50 Euro cadauno. Pranzeremo nel luogo dell’evento e, se gli spazi e il meteo lo permetteranno, ci siederemo fuori all’aperto con il bellissimo sole primaverile..

Ospitalità

Ci stiamo impegnando per individuare possibilità di alloggio in stile couchsurfing. Tuttavia è probabile che tutti i posti disponibili a Santorso saranno già occupati in quel periodo, in alcuni casi potrebbe quindi servire un auto o un passaggio per muoversi nei dintorni. Una volta accertata la lista dei partecipanti vi ricontatteremo per trovare insieme la soluzione migliore.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

“Cresceranno le siepi”: com’è andata?

È stata una bella serata quella che ci hanno regalato ieri l’azienda agricola biologica Gli Orti di Sant’Angelo e il regista Dimitri Feltrin, con il loro film “Cresceranno le siepi” (qui il trailer: https://youtu.be/tEmjN3oNPgA).

L’aula magna delle scuole medie era gremita (saremo stati più di un centinaio!) e nei volti si leggeva l’impazienza nel vedere sul grande schermo chi il sabato mattina ci vende le verze e il succo di mela.

Qui sotto: Alessandro e Dimitri presentano il film:

L1060756

Il film presenta diverse realtà agricole venete che declinano in varie forme il concetto di ecologia. Tutte impegnate a custodire ecosistemi sani e ricchi di biodiversità, forniscono ai loro consumatori un prodotto sano e gustoso. Il film è accompagnato dalla voce di Luca Conte, agroecologo, che spiega in maniera molto efficace i concetti base dell’agricoltura ecologica.

Terminata la proiezione, abbiamo fatto una proposta: dividiamoci in gruppi di tre persone e diamoci cinque minuti di tempo per scambiarci le nostre impressioni sul film, e per conoscerci un po’. La proposta è stata accolta con entusiasmo e subito è partita quasi una festa di chiacchiere e risate e conoscenze. Per terminare, un ottimo rinfresco offerto dagli Orti di Sant’Angelo e dalla Bottega degli Scalzi, con focaccia e succo di mele (tutto bio, manco a dirlo).

Qui sotto: un momento della chiacchierata finale.

L1060757

Ringraziamo quindi tutti i partecipanti, il Comune di Santorso per il patrocinio, Alessandro degli Orti di Sant’Angelo e la sua famiglia, il regista Dimitri Feltrin, la Bottega degli Scalzi e… arrivederci alla prossima proiezione!

 

Paolo

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cresceranno le siepi

Vi invitiamo giovedì 16 marzo alla proiezione del film-documentario “Cresceranno le siepi. Storie di contadini che amano la terra.” Nel documentario è presente anche una bella testimonianza dei nostri amici degli Orti di Sant’ Angelo di Marano!

locandina

C’è un nuovo modo possibile di fare agricoltura: ecologico, sostenibile, etico, solidale, rispettoso delle risorse e della salute. Una dozzina di agricoltori veneti e ferraresi vi faranno vedere come i loro princìpi si traducono in pratiche concrete e quotidiane attraverso un lavoro che sta trasformando le campagne, riportandole e a vivere una nuova vita. Ad affiancarli, associazioni, agronomi, nutrizionisti e professionisti del settore, che coralmente contribuiscono a diffondere una cultura più etica e più salubre, spendendosi per ricreare il rapporto tra produttori e consumatori. Il film-documentario “Cresceranno le siepi” prova a raccontarlo.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La domenica della potatura alla Masena

Un tasso è un rolex” cit.

Con sole e forbici affilate si è tenuta domenica 19 Febbraio la giornata della potatura nel campo della Masena a Santorso.

Da un paio di anni diverse persone si ritrovano in questo campo per fare degli esperimenti (seppur bizzarri in alcuni casi) che vanno dall’orticoltura alla frutticoltura, basati su un modello di condivisione dei lavori e dell’imparare assieme.

primo

Proprio così è nata “la Domenica della potatura” una giornata di condivisione e di confronto delle svariate tecniche di potatura degli alberi da frutto!

Come ci ricordano i nostri  nonni  “el contadin se sleva el albero da picolo” sono proprio i primi anni che decideranno la sorte e la forma del futuro albero.

Gli intrepidi partecipanti (più di 35) da varie parti del vicentino, dalla valle dell’Agno a quella dell’Astico, si sono imbattuti nell’importante compito di capire che forma dare agli alberelli piantati un anno fa.

 

cerchio

Un grande GRAZIE a tutti voi per il vostro contributo (in particolare a Francesco e Demetrio), per averci portato un po’ dell’essenza della potatura, della dominanza apicale, dei vari tipi di portainnesto, della potatura di allevamento e di come eseguire un corretto taglio…

Grazie a queste nozioni una volta afferrate le forbici i tagli sono stati fatti con cognizione di causa, le varie forme dell’albero hanno iniziato ad emergere e i partecipanti a sorprendersi!

francesco

Il pranzo condiviso nel quale ognuno porta qualcosa è sempre uno dei momenti più gioviali, in cui ognuno ha la possibilità di assaporare le bontà altrui, e a renderne grazie!

Una giornata come questa ha senz’altro messo in risalto il potenziale ed i limiti di un progetto come quello del terreno della Masena, i cui i proprietari hanno messo a disposizione la terra e donato gli investimenti che sono emersi prioritari durante la progettazione del terreno.. ma nel progetto mancano ancora le persone chiave che avranno la responsabilità e la gioia di prendersene cura e il cuore nel dare le dovute attenzioni affinché il progetto decolli!!!

Questa giornata ne è stata un capitolo toccante…

Ringraziamo:  TUTTI i partecipanti per il loro contributo.  Il gruppo di Agricoltura Valle Agno per venire in avanscoperta e per la voglia di condividere e unire. Demetrio e Francesco per la loro esperienza e passione. Ad Adam per il suo prezioso strumento affila forbici!

adam

E agli organizzatori per mettersi in discussione…

Vi terremo aggiornati sulle prossime iniziative.

Un caloroso saluto di inizio ingrossamento delle gemme …

Enrico Battistello

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La domenica della potatura

potatura

È arrivato il momento di potare la food forest!

Domenica 19 febbraio alle 10.00 ci troviamo nel campo della C.S.A., per una giornata di condivisione sulla teoria e la pratica della Potatura.

Sono invitati tanto gli esperti di potatura, quanto chi non ha mai preso in mano una forbice in vita propria.

Il campo di trova sulla strada che dalla Chiesa del Timonchio porta a San Rocco sulla sinistra all’altezza di Via della Masena.

Se il tempo lo permette ci fermeremo per un pranzo in condivisione.

Ricordatevi di portare quindi forbici, guanti e leccornie!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

“L’Ost” della befana

Impressioni dalle nostre inviate all’open space della Befana.

Dall’inviata Sabrina

A fatica mi alzo dal letto. E’ dura visto che sono abituata a dormire a oltranza in questi giorni di festa, ma avevo dato la mia parola che sarei arrivata in anticipo per dare una mano nella preparazione di questo open space speciale del 6 gennaio.

Arrivo con un tempismo perfetto nello stesso istante della Befana alias Stefano a cui avevo portato la scopa e che dovevo aiutare nella vestizione.

Alla casa del custode troviamo Giulio, super indaffarato con i preparativi e con un grosso quesito da porci: “Ma come funziona il riscaldamento??”. Nonostante le nostre tre teste pensanti, abbiamo alla fine sperato nell’arrivo tempestivo di Valeria, grande esperta del settore. Nel frattempo prepariamo i cartelloni e Stefano comincia a travestirsi: è stato istruito per bene riguardo al suo ruolo per questa giornata, basta solo che ripeta al momento giusto la sua parte.

Ed ecco Valeria! Ci mettiamo nelle sue mani, ma ci sono questioni che agli umani non è permesso conoscere, quindi dobbiamo rassegnarci a passare la nostra giornata al freddo e al gelo.La Befana è quasi pronta, manca solo una passata di trucco ma, troppo inorridita per procedere all’ operazione, lascio la gatta da pelare a Valeria che accetta con i suoi nervi saldi. Lo spettacolo finale è letteralmente obbrobrioso e inguardabile, proprio ciò che ci aspettavamo!


Per tutte le persone che arrivano un po’ alla volta, la risata è assicurata e le foto non si sprecano.
Arrivano in tanti, gli amici di sempre, qualche volto per me nuovo, cari transizionisti di Vicenza e Arzignano, e un amico che non vedevo da molto tempo.

Già da subito capiamo che non vuole essere un open space come quelli fatti in precedenza, è una sorta di festa, per rivedersi, per farsi gli auguri di buone feste, per rivedere insieme il 2016 e progettare gli eventi del nuovo anno.
In cerchio, cominciamo con un piccolo rilassamento guidato da Alessandro che ci predispone all’ inizio delle attività. Subito dopo procediamo con un giro di nomi e rispondiamo alle domande: cosa ci è accaduto di bello nel 2016? Cosa ci aspettiamo da questa giornata? E’ il turno della Befana che, non si sa come, gira e rigira il copione prestabilito e conclude un discorso sconclusionato ma apparentemente sensato che non lascia spazio a ulteriori interventi riparatori.
Giulio rispolvera per noi regole e leggi con alle spalle un molto affaccendato Aldo che non si da pace cercando di riparare il riscaldamento assente,che mi ha già trasformato i piedi in due ghiaccioli e ci costringe tutti a tenere il giaccone.

Fortunatamente nel corso della giornata un sole splendente ci scalda il cuore…e non solo!

 

img_3031

Dall’inviata Federica


Dunque, qualche flash per ricapitolare questa Befana assolata tra amici.

Cosa abbiamo fatto e cosa abbiamo imparato sulla transizione nel 2016?
Per riviverlo, su un’immaginaria linea del tempo dello scorso anno si sono avvicendati numerosi mimi di eventi vissuti nel 2016.
Riconsiderandoli nel loro insieme fanno davvero un bel fagottino di esperienze!
E così si avvia una giornata di riflessioni in stile open space sulle proposte per il nuovo anno.
Sotto lo sguardo di una Befana d’eccezione, generosa di cioccolatini, in compensazione alla carenza di carbone, e caricati dalla meditazione collettiva guidata di Alessandro, ci siamo dunque occupati di progetti come la permacultura di comunità, la scuola libertaria, nuove possibilità comunicative, percorsi di amore verso se stessi, nuovo ciclo di cineforum transizionista, laboratori nel campo.

E poi condividere il pranzo, portando ciascuno il proprio contributo alimentare, connettersi o riconnettersi tra noi nei momenti di pausa attraverso parole, sguardi, risate, spuntini, gli unguenti di Sabrina, il vino di Paolo, sostare per un po’ nel parco per un bagno di sole, mani che scaldano, abbracci che confortano. Insomma, una giornata con ritmi e andamento piuttosto free, libera dalle campanelle segnatempo di Giulio, ma veramente ricca, piena di energia calda ed accogliente e di idee che chiedono di trovare vita concreta.

 

Jpeg

 

Ce la faremo a trasformare questi progetti in realtà? ….guardate i nostri cartelloni e fate la vostra scommessa!!

Alla fine della giornata, rientrando a casa, mi sono interrogata su cosa restasse in me di quella giornata. Credo ci si debba sentire proprio come è capitato a me, oggi, vivendo in una piccola comunità resiliente: ognuno di noi ha offerto gratuitamente e con piacere il suo pezzettino di fare e di essere per far girare con fluidità la giornata; ognuno è riuscito ad accogliere per sé ciò di cui sentiva il bisogno; le regole per una serena convivenza sono state da tutti rispettate, senza mai costituire un vincolo alle occasioni di crescita della giornata; non ho vissuto mai la sensazione di un crinale a cavallo tra “noi” e “voi”, ma solo un grande noi che si confrontava su come gettare semi buoni per il 2017, che possano portare buoni frutti per gli anni avvenire.

Jpeg

Pensando a tutto questo guardavo un tramonto di colore speranza, godendo di un profondo senso di pace.
Jpeg

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

White Transition – Buone feste! E.. che succederà nel 2017?

 

befana1_b

Anche per la befana le cose si fanno complicate. È ora di liberarsi dal carbone, riusciamo ad aiutarla? Ci troviamo venerdì 6 gennaio 2017 alle 10.00 alla casa del custode!!

Eccoci qui, come ogni anno, nel bel mezzo delle feste natalizie.

C’è chi è intento a comprare bellissimi regali, chi va a trovare gli amati parenti, chi prepara deliziose cene e organizza allegre festicciole.

Questo periodo è anche una rara occasione di riflessione, aiutata dalle scarse ore di luce e il ripiegamento volontario nel calore delle proprie case: cosa è successo in questo ultimo anno? Cosa ho imparato, quali sono stati i successi, quali i fallimenti?

E l’anno prossimo? Cosa accadrà, in cosa mi voglio impegnare..?

Nella nostra piccola esperienza di Transizione queste sono domande che ci facciamo spesso: ci aiutano a chiarire idee e intenti individuali e collettivi e, abbiamo imparato, se ci ragioniamo sopra assieme sanno portare anche un’enorme quantità di conoscenza e saggezza, liberando energia per nuovi percorsi ed entusiasmanti progetti.

Sappiamo che da molto tempo non ci sono state occasioni in cui ci siamo potuti rivedere tutti. Cosa staranno combinando i nostri colleghi in giro per il vicentino? Quali progetti e idee hanno in cantiere? Ci sono persone nuove? Curiosi, turisti della transizione, esperti facilitatori? Come possiamo rendere visibile tutto ciò? E non dimentichiamoci che tra qualche mese avremo qui diversi transizionisti da tutto il mondo, e verrà anche Rob Hopkins in persona.. Riusciamo ad organizzarci per tempo?

Insomma, non sarebbe bello rivederci, conoscerci, farci gli auguri, celebrare il passato e progettare assieme il nuovo anno? E.. se lo facessimo in modalità Open Space?

Tirandola corta:

Vi invitiamo venerdì 6 gennaio 2017 alle 10.00 alla Casa del Custode per una bellissima giornata di festa in modalità open space!

Il pranzo sarà condiviso – ognuno porta qualcosa – quindi preparatevi ad un’ultima grande abbuffata natalizia 🙂

Vi chiederemo 2€ per il materiale logistico e altre sorprese.

(Per chi ha bambini: a due minuti a piedi ci sarà la discesa della befana dal campanile di Santorso, imperdibile!)

La festa finirà verso le 17.30, vedrete che il tempo vola!

Ovviamente l’invito è aperto a tutti!

Se potete confermateci la presenza (basta un ‘ci sono’) a giulio_pc@yahoo.it, ci sarà di grande aiuto per non farci trovare impreparati!

 

Ci vediamo ‘alla befana’ allora!

Buone feste!!!!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento